La rivoltella Colt

Curiosità, belle cose, ecc.
Tutti gli iscritti possono inserire novità, immagini, ed altre bellezze che possono interessare tutti noi.

La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda mario pinna » sab 14 apr 2018, 21:06

Forse non tutti sanno....
La pistola Colt è nata a Gadoni dalle mani di un fabbro sardo.
Durante le nostre surfute online capitiamo su una interessante notizia riportata dal giornale L’Unione Sarda, una curiosità che vale la pena far conoscere un po a tutti.
La Colt non sarebbe stata inventata da Samuel Colt, colui che quasi irriso dal Governo degli Stati Uniti d’America diventò celebre solo a seguito della battaglia contro i Comanches, dove per la prima volta viene usato questo modello di arma a tamburo ma da un sardo, il fabbro di Gadoni Antonio Broccu che nel 1833 costruisce un’arma a tamburo. A spiegarlo è un bel testo di Lelio Caravano che approfondisce i dettagli di una storia sconosciuta ai più.
Antonio Broccu, fabbro di Gadoni, paesello della provincia di Nuoro, abbarbicato tra boschi di castagni e nocciole, scopre per primo la potenza di un’arma a tamburo, per Broccu, scrive Caravano, sono state tante attestazioni di stima, menzioni postume nell’elenco degli inventori superati per qualche istante e Broccu infatti appare negli elenchi accanto a Meucci ed al telefono poi brevettato da Bell.
La notizia negli anni è rimpallata persino nel web, dove un po tutti gli esperti fanno notare la “cosa”, ma di Broccu pare si siano interessate ricerche di ogni genere e grado da quelle di giovanissimi studenti di scuole medie per arrivare a tesi di laurea e, persino un programma della Rai, tempo fa ne ha parlato.
La scoperta di Francesco Antonio Broccu, figlio di Battista e Angelica Poddi viene fatta nel 1833, Broccu aveva 37 anni e viveva al centro di Gadoni, come riporta Caravano, in una “casa e bottega a Coa ‘e muru numero 10″, l’uomo fabbro di professione pare fosse un uomo ingegnoso, tanto è che persino il noto parroco Raimondo Bonu, studioso di storia locale del secolo scorso se ne è interessato nei suoi studi, mentre sempre di Broccu si interessa una ventina di anni fa Gabriele Ortu, il Broccu infatti aveva ingegnato un particolarissimo un mulino a ruota verticale, ma anche un organo realizzato con comuni canne, una campana, un orologio a pendolo che aveva come quadrante il pannello della porta d’ingresso dell’abitazione con le lancette rivolte verso l’esterno. Caravano nel suo articolo segnala poi una matracca che produceva un suono così forte da trasformarsi in un detto ancora in uso a Gadoni per indicare un suono assordante ( parit samatracca de maistu Broccu ). Un fabbro ingegnoso Broccu che crea un pò di tutto sino ad arrivare alle pistole: ” una pistola con sei (o quattro) cannette che giravano attorno a un perno per incastrarsi poi su una canna più lunga. Se non era ancora il tamburo, Broccu c’era andato vicinissimo. Per il piccolo genio gadonese arrivarono premi, riconoscimenti, denaro. Si dice che fosse stato invitato a Cagliari per dare una dimostrazione della sua scoperta a re Carlo Alberto senza però presentarsi. Susanna Secci, pronipote del maestro del ferro, ha dedicato alla scoperta un capitolo della sua tesi di laurea: «Dalle mie ricerche risulta che lo schioppo fu spedito nel 1833 in Continente per essere esaminato dal re, ma poi non se n’è saputo più niente».” Ma la scoperta non ebbe mai il degno riconoscimento sino a che qualche anno dopo, esattamente nel 1836 al di là dell’Oceano Samuel Colt, marinaio, brevetta l’arma diventata poi famosa. Certo è che Broccu almeno a Gadoni viene ricordato e, in questi giorni vi è persino una piccola mostra di armi tra cui quella che pare essere uno dei primi modelli del piccolo fabbro gadonese: una pistola a una canna ad avancarica con due cani esterni.
Pistole made in Gadoni vengono segnalate anche a Artizo, Desulo e Cagliari e forse persino negli Stati Uniti, Caravano scrive nel suo pezzo che Broccu “la prima pistola che pare gli abbia fruttato un premio di 300 franchi non è rimasta traccia. Piccolo di statura, mani forti e ingegno da vendere, un giorno a metà dell’Ottocento perse la memoria. Visse fino a 85 anni, morì nel 1882.”
Articolo tratto da "MEDITERRANews".
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 374
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda piero » dom 15 apr 2018, 7:21

Grazie Mario, articolo interessante, riconoscere i meriti a persone che hanno progettato oggetti che nel prosieguo degli anni, si sono confermati dei veri capisaldi per i brevetti che sono arrivati ai nostri giorni, è opera degna di merito.
P.S Perdonami il paragone, Gadoni come Gardone era nel destino delle armi.
Con Amicizia
piero
Avatar utente
piero
 
Messaggi: 705
Iscritto il: lun 19 mar 2012, 20:46
età: 70
prov.: Pa

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda mario pinna » dom 15 apr 2018, 7:55

Ciao Piero, bel paragone i due comuni.
Trovo inquietante la frase:-A metà ottocento perse completamente la memoria-. Mi viene da pensare: O gliela fecero perdere?
Il bruccu era una persona ingegnosa ma ingenua, le voci correvano a quell'epoca come oggi anche se non c'era internet, il mondo delle armi era sotto osservazione ovunque ed è stato rivoluzionato proprio nel XIX secolo. Il regno era dei "savoiardi".
Samuel Colt, persona più vissuta, era un marinaio e poteva attingere informazioni dappertutto.
Il prototipo dell'artigiano sardo arrivò nella penisola e poi se ne persero le traccie. E se lo avessero venduto i regnanti stessi?
Il 1800 ci portati dalla pietra focaia alla cartuccia attuale, ha creato i nuovi propellenti, la capsula al fulminato, i sistemi di chiusura, rimbalzo del cane, sistema Abadie per la sicurezza nel caricamento del revolver e tanto altro. La pepperbox multi canne a rotazione manuale è diventata una rivoltella meno ingombrante a rotazione meccanica, appunto il brevetto Colt di un'idea nata tre anni prima.
Cordiali saluti m.p.
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 374
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda piero » dom 15 apr 2018, 9:37

Voglio restare ingenuo come il buon Broccu, e non pensare che gente senza scrupoli possa usurpare benefici e medaglie, al posto di chi veramente dovrebbe trovarsele attaccate al petto.
piero
Avatar utente
piero
 
Messaggi: 705
Iscritto il: lun 19 mar 2012, 20:46
età: 70
prov.: Pa

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda Bruno Biscuso » dom 15 apr 2018, 17:33

mario pinna ha scritto:Ciao Piero, bel paragone i due comuni.
Trovo inquietante la frase:-A metà ottocento perse completamente la memoria-. Mi viene da pensare: O gliela fecero perdere?
Il bruccu era una persona ingegnosa ma ingenua, le voci correvano a quell'epoca come oggi anche se non c'era internet, il mondo delle armi era sotto osservazione ovunque ed è stato rivoluzionato proprio nel XIX secolo. Il regno era dei "savoiardi".
Samuel Colt, persona più vissuta, era un marinaio e poteva attingere informazioni dappertutto.
Il prototipo dell'artigiano sardo arrivò nella penisola e poi se ne persero le traccie. E se lo avessero venduto i regnanti stessi?
Il 1800 ci portati dalla pietra focaia alla cartuccia attuale, ha creato i nuovi propellenti, la capsula al fulminato, i sistemi di chiusura, rimbalzo del cane, sistema Abadie per la sicurezza nel caricamento del revolver e tanto altro. La pepperbox multi canne a rotazione manuale è diventata una rivoltella meno ingombrante a rotazione meccanica, appunto il brevetto Colt di un'idea nata tre anni prima.
Cordiali saluti m.p.

Caro Mario,
ogni giorno che passa e pubblichi qualcosa, ci stupisci!
Grazie per i tuoi interventi che oramai sono diventati una consuetudine per noi, ragione di apprendimento inimmaginabile.
I nuovi dati degli ultimi 30 gg.
Utenti
2.629
Nuovi utenti
2.172
Sessioni
3.814
Numero di sessioni per utente
1,45
Visualizzazioni di pagina
11.429
Pagine/sessione
3,00


i miei ninnoli, con la pepperbox a spillo.
Allegati
20180415_181550_resized.jpg
Cordialità
Bruno
"la Libertà è reale dove è possibile esprimersi senza censure, chiunque dovesse impedirla o porre limiti al pensiero altrui commette un delitto di estrema gravità. L'autoritarismo e le dittature non consentono il propagarsi delle idee e degli scritti." BBG
Avatar utente
Bruno Biscuso
Moderatore
 
Messaggi: 2306
Iscritto il: sab 14 gen 2012, 22:47
Località: SALENTO - Terra del Sole e degli Ulivi N. 40°23' E. 018° 18'
età: 64
prov.: LE

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda mario pinna » dom 15 apr 2018, 18:20

Grazie Bruno, io non vedo tutte queste presenze, ma forse non appaiono a noi utenti.
Quei "gioielli" sono bellissimi, il loro telaio aperto con la canna avvitata sull'albero di rotazione e fermata sul castello da una vite a testa sporgente, lo scodellino di protezione del tamburo da urti accidentali o cadute, l'impugnatura detta a campana, caratteristica della seconda metà dell'ottocento e soprattutto delle lefaucheux meglio note a spillo, li riconoscerei al buio.
Le Pepperbox esistono anche a 24 canne, praticamente un alveare.
Anche il pugnale è un cimelio meraviglioso, almeno, nelle mani giuste.
Cordiali saluti m.p.
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 374
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda mario pinna » dom 15 apr 2018, 18:58

Bruno, aggiungo un corredo all'immagine.
Cordiali saluti m.p.


foto 1.jpg
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 374
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda mario pinna » dom 22 apr 2018, 20:22

A togliere ogni dubbio sull' invenzione della rotazione meccanica del tamburo, è anche il fatto che Samuel Colt oltre le rivoltelle non diede altre invenzioni come in altri casi di chi si è fermato ad un unico brevetto sottratto ad altra paternità, la Ditta da lui fondata proseguì con rinnovamento solo dopo la sua morte avvenuta nel 1862.
Al contrario, l'inventore sardo, fu artefice di tantissimi e complicati meccanismi.
Direi che la fortuna lo fecce atterrare in un luogo a caso, come Oliver Winchester, quattro anni più vecchio (cl 1810), ricco imprenditore che rilevò una divisione della Smith e Wesson in difficoltà, diventando azionista di maggioranza e dopo alcuni anni la rinominò col suo nome.
Oggi parlare di Winchester non ci porta certamente al produttore di tessuti che era realmente, ma a tutt'altro mondo.
Diverso fu per Jonh Browning, autore di tantissimi brevetti di armi militari e civili, nonché figlio d'arte, di padre armaiolo con la passione nel sangue.
Cordiali saluti m.p.
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 374
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda piero » lun 23 apr 2018, 6:47

Mario ogni giorno una chicca diversa, leggerti è un vero piacere.
piero
Avatar utente
piero
 
Messaggi: 705
Iscritto il: lun 19 mar 2012, 20:46
età: 70
prov.: Pa

Re: La rivoltella Colt

Messaggio da leggereda Bruno Biscuso » lun 23 apr 2018, 8:34

piero ha scritto:Mario ogni giorno una chicca diversa, leggerti è un vero piacere.
piero

Condivido pienamente il pensiero di Piero, grande Mario. :violin:
Cordialità
Bruno
"la Libertà è reale dove è possibile esprimersi senza censure, chiunque dovesse impedirla o porre limiti al pensiero altrui commette un delitto di estrema gravità. L'autoritarismo e le dittature non consentono il propagarsi delle idee e degli scritti." BBG
Avatar utente
Bruno Biscuso
Moderatore
 
Messaggi: 2306
Iscritto il: sab 14 gen 2012, 22:47
Località: SALENTO - Terra del Sole e degli Ulivi N. 40°23' E. 018° 18'
età: 64
prov.: LE

Prossimo

Torna a "CHIKKE"



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite