"ARMA DA GUERRA CON SPICCATA POTENZIALITA' DI OFFESA"

La vicenda Zastava M-76 che da "SEMIAUTOMATICA" diviene, per i consulenti-periti della Procura della Repubblica di BS, magicamente 'Arma Tipo Guerra'.
Una Relazione Tecnica di circa 50 pagine spiega col metodo "Poka Yoke" il perchè questa carabina non nasce "predisposta" per il tiro automatico continuo (raffica).
Dal punto di vista progettuale viene addirittura a sostegno una conferma della "Zastava Arms" con un documento legalmente sottoscritto..

"ARMA DA GUERRA CON SPICCATA POTENZIALITA' DI OFFESA"

Messaggio da leggereda Bruno Biscuso » lun 14 ott 2019, 21:21

RIPORTO L'AGGIUNTA DI UNO STARLCIO DELLA MIA CONSULENZA IN RISPOSTA AI CAPI D'IMPUTAZIONE: "ARMA DA GUERRA CON SPICCATA POTENZIALITA' OFFENSIVA". ------------------ "PUNTO 4) dei quesiti: “SPICCATA POTENZIALITA’ DI OFFESA.”
La Procura di Brescia negli atti di “chiusura delle indagini preliminari”, riporta fra l’altro i seguenti addebiti agli indagati:
“… carabine da qualificarsi come armi da guerra perché idonee al tiro a raffica (previa collocazione del selettore di tiro in posizione intermedia (tra la “sicura” ed il “colpo singolo”) e perché dotate di caricatore da 10 colpi e pertanto dotate di spiccata potenzialità di offesa."
I magistrati definiscono la Zastava M-76 - arma da guerra - in quanto “idonea” al tiro a raffica disattendendo il dettato normativo che invece recita:
“… sono armi da guerra le armi di ogni specie che, per la loro spiccata potenzialita' di offesa, sono o possono essere destinate al moderno
armamento
delle truppe nazionali o estere per l'impiego bellico…"
Infatti, un attento e corretto esame del significato di quanto sopra porterebbe immediatamente ad escludere la Zastava M76 dalla categoria alla quale è invece stata ascritta, in quanto:
a) il progetto della Zastava M-76 nasce negli anni 70, come si può facilmente evincere dal numero stesso 76 che ne connota la data di comparsa, e pertanto, non può essere considerato ‘moderno armamento’, tanto che nell’esercito della nazione che all’epoca progettò la Zastava M76, il tiro di precisione con fucile semi-automatico è oggi eseguito con il modello M91, che oltretutto è camerato in 7.62x54mmR come conseguenza della decisione dell’esercito serbo di ritirare il calibro 7,92x57 Js che utilizzava la Zastava M76.
b) il calibro 7,92x57 Js (detto 8 Mauser), è un calibro ormai obsoleto (tanto che le stesse forze armate Serbe, per le quali Zastava ha prodotto e continua a produrre armamento militare in quanto azienda nazionale, hanno ormai abbandonato il calibro 8 per il molto piu diffuso 7.62x54mmR) ed è attualmente di raro impiego solo venatorio; il suo primo impiego risale al 1895 ed ha equipaggiato le truppe tedesche nella 1^ e 2^ Guerra Mondiale con il fucile Mauser mod. K-98
c) la munizione 8x57JS, caricata con propellente Vihtavuori N-140 – 45,2 gns – palla da 180 gns – vel.730 ms. – ha un’energia di circa 3.117 Joul----------------------------
invece,
d) una munizione attuale del tipo 300 W.M. caricata con Vihtavuori N-160 – 69,8 gns – palla da 180 gns – vel. 843 ms. – ha un’energia di circa 4.157 Joul -------------------------------------------
Quanto sopra dimostra chiaramente che la carabina M-76 non possiede una “spiccata potenzialità offensiva” avendo oltre 1000 Joul di potenza in meno rispetto ad una comune carabina da caccia." Pubblicazione Protetta dal Diritto d'Autore: ing. V. Biscuso e B. Biscuso - Copyright.
Avatar utente
Bruno Biscuso
Moderatore
 
Messaggi: 2127
Iscritto il: sab 14 gen 2012, 22:47
Località: SALENTO - Terra del Sole e degli Ulivi N. 40°23' E. 018° 18'
età: 64
prov.: LE

Torna a IL CASO ZASTAVA M-76



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron