canne e forature

canne e forature

Messaggio da leggereda expressboy » lun 10 set 2018, 12:14

Ripulendo il computer ho trovato questo vecchio scritto che francamente non ricordavo nemmeno che vorrei condividere con voi per avere eventuale conferma di quanto quanto affermo, mi pare un gran bel guazzabuglio !!

"Per quanto riguarda la foratura, recentemente molte case produttrici stanno utilizzando forature larghe, da 18,5 a salire, Browning addirittura 18,8. Il Dt11 della Beretta ha le canne con foratura 18,6. Da quello che so , "utilizzando cartucce da 28 o 24 grammi non c'è più bisogno di utilizzare fucili pesantissimi e canne con forature molto strette. Secondo una formula fisica il rinculo del fucile e inversamente proporzionale al peso, cioè maggiore è il peso minore sarà il rinculo. Ultimamente invece, è stato dimostrato che il rinculo non dipende solo da questo, infatti riducendo il peso complessivo dell'arma, aumentando le forature e utilizzando un buon legno con una densità di 900 grammi a decimetro cubo si riesce ad ottenere un controllo e una stabilità dell'arma sotto sparo davvero eccezionale. Ho fatto delle prove su placca con i miei schioppi ,e ho confrontato le rosate ed è difficile riuscire a capire dove sia la linea di miglioramento evidente nel senso che le variabili sono quasi infinite e tutte le volte che provo e riprovo riesco a trovare aspetti nuovi diversi , Il prossimo passo, prima di sprecare altro piombo sarà di stilare un protoccollo di test che tenga conto di più prove possibili al fine di avere una serie di dati omogenei . Si è sempre pensato che un aumento delle forature, rispetto ai classici 18,3-18,4, potesse portare ad una riduzione della velocità nell'ordine di una decina di metri al secondo, oggi molte case hanno dimostrato che ciò non è sempre vero, grazie ai nuovi acciai, alla conformazione dell'anima della canne, alle nuove tecnologie ecc le velocità restano quasi immutate, e poi chi se ne accorge di 10 metri al secondo in più o in meno su una velocità media che si attesta intorno ai 400 metri al secondo e anche oltre? personalmente credo che la storia delle forature delle canne vada di pari passo con l'evoluzione dei materiali delle cartucce , cerco di spiegarmi meglio, durante la bell'époque , i grandi armaioli inglesi su richiesta dei clienti personalizzavano la canna in base alla cartuccia sparata, ovvio che le canne da 25" ideate da Churchill non potevano avere lo stesso profilo delle canne da 28 o 30 pollici di Greener o Purdey. Con le borre in feltro o con il borraggio chimico non si poteva sovra alesare troppo pena "sfiati " a gogo , poi con la plastica siamo passati dai 18.2 ai 18/8 . ma abbiamo altri materiali (acciai) altre polveri ,i bossoli ora sono di plastica, non di cartone, le borre hanno tenute eccezionali ed anche le polveri hanno subito un netto miglioramento .
Altra riflessione da fare è quanto interesse hanno avuto gli armaioli a fare canne con parenze strette, se un armaiolo fora 18,2 e sbaglia qualcosa può sempre correggere a 18.3-18.4 ma se sbaglia a18.5-6 è un problema correggere soprattutto nell’era ante plastica , quindi stretto is best !!!
Quindi l'evoluzione la lezione è che bisogna adattare lo sviluppo ai materiali se si vogliono spingere oltre le performance degli atleti tiratori e dei cacciatori,
Ora a noi non resta che creare la cartuccia adatta alla nostra canna."
Un saluto Bernardo
Allegati
Tipologia di strozzature per canne lisce.docx
foto da internet
(96.02 KiB) Scaricato 47 volte
Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo tutto quel chiasso ei non degnò d'un guardo
e a brucare serio e lento seguitò
expressboy
Collaboratore
 
Messaggi: 224
Iscritto il: sab 1 set 2012, 16:17
età: 46
prov.: fi

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda Bruno Biscuso » lun 10 set 2018, 16:12

Ho copiato l'argomento in modo che sia visibile a tutti.
Su questo forum possono accedere solo gli iscritti dopo il 'logon'.
Cordialità
Bruno
"la Libertà è reale dove è possibile esprimersi senza censure, chiunque dovesse impedirla o porre limiti al pensiero altrui commette un delitto di estrema gravità. L'autoritarismo e le dittature non consentono il propagarsi delle idee e degli scritti." BBG
Avatar utente
Bruno Biscuso
Moderatore
 
Messaggi: 2111
Iscritto il: sab 14 gen 2012, 22:47
Località: SALENTO - Terra del Sole e degli Ulivi N. 40°23' E. 018° 18'
età: 64
prov.: LE

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda mario pinna » lun 10 set 2018, 17:37

Troppo lungo da rispondere, Ti allego la pagina dove si leggono le differenze fra foratura anima, camera di cartuccia e raccordo conico, più le misure standard approvate dalla C.I.P. con relativi margini di errore di lavorazione.
La combustione si vivacizza col diminuire del volume a disposizione, non per niente se volessimo spingere la stessa dose di piombo nei calibri 12 e 16, ce ne vorrebbe di più nel primo proprio per compensare la differenza di volume.
Lo stesso accade sul 12 forato 18,1 e 18,5, infatti nel secondo senti meno il rinculo semplicemente perché la stessa cartuccia subisce un calo di pressione e di conseguenza di velocità col seguente risultato: Ammettiamo di avere un fucile del peso di 3 kg che spinge una massa di 30 grammi alla velocità di 300 m/s. Quando la polvere esplode spinge in tutte le direzioni mobili e se al proiettile imprime detta velocità, essendo questo la centesima parte del peso dell'arma, quest'ultima risente della centesima parte di spinta, quindi 3 m/s.
Ora puoi capire come variando questi dati, tipo aumentare il peso dell'arma o diminuire la V0 o la massa del proiettile, si avranno percezioni diverse di rinculo.
Naturalmente esistono anche nuovi accorgimenti come i calcioli per assorbire l'energia che prima non esistevano e te la beccavi tutta. Addirittura il fucile imbracciato male lasciava degli ematomi che potevano essere evitati diminuendo la densità sezionale con appoggio completo della superficie del calcio sulla spalla.
Cordiali saluti

IMG_20180813_185229.jpg

IMG_20180813_185351.jpg

IMG_20180910_160624.jpg
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 298
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda expressboy » lun 10 set 2018, 20:53

Grazie Bruno grazie Mario della risposta, mi sapresti indicare il libro allegato
Certo è vero che aumentando la sezione diminuisce la pressione e la relativa sensazione di rinculo così da permettere la realizzazione di fucili più leggeri ! Una domanda , nel calcio di un fucile da tiro può essere installato un cilindro di mercurio per attenuare ulteriormente il rinculo ? Oppure è vietato dai regolamenti. Alcuni cacciatori particolarmente sensibili al rinculo degli express inseriscono questo cilindro nel calcio per attenuare il rinculo , aumenta il peso ma diminuisce la sensazione di rinculo, perché non viene inserito nei moderni fucili da tiro
Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo tutto quel chiasso ei non degnò d'un guardo
e a brucare serio e lento seguitò
expressboy
Collaboratore
 
Messaggi: 224
Iscritto il: sab 1 set 2012, 16:17
età: 46
prov.: fi

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda mario pinna » lun 10 set 2018, 21:36

Il libro è "polveri Dosi e Cartucce" ed. 1988 di Antonio Granelli.
Per zavorrare l'arma non so se esistano regole in merito, comunque un fucile da tiro è sufficientemente pesante con i suoi 3400-3700 grammi.
Cordiali saluti
Avatar utente
mario pinna
Collaboratore
 
Messaggi: 298
Iscritto il: dom 21 gen 2018, 17:45
Località: Usini
età: 62
prov.: SS

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda LORIS » mer 12 dic 2018, 17:10

Canne con cono lungo denominato x-core, a mio avviso, penalizzano la gittata con conseguente perdita di penetrazione; poi se aggiungiamo gli strozzatori mobili c'è un'ulteriore perdita...giusto!! Lo scorso anno ho acquistato un fucile nuovo e blasonato cal. 20 con anima 16,00 coni molto lunghi e strozzatori mobili; fucile in ergal leggerissimo che non dava rinculo pur con 28 grammi. Confrontato più volte con un' altro venti , un franchi 48 AL, con anima canna 15,7 e pari strozzatura solo che fissa, ho appurato una differenza di penetrazione particolarmente evidente. Mi sono liberato del fucile dopo aver colpito ma non raccolto, andavano tutti feriti, parecchi fagiani e due lepri. Non scalciava ma nemmeno acchiappava...!
Saluti
LORIS
 
Messaggi: 33
Iscritto il: gio 9 nov 2017, 9:32
età: 68
prov.: vr

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda Bruno Biscuso » gio 13 dic 2018, 22:34

LORIS ha scritto:Canne con cono lungo denominato x-core, a mio avviso, penalizzano la gittata con conseguente perdita di penetrazione; poi se aggiungiamo gli strozzatori mobili c'è un'ulteriore perdita...giusto!! Lo scorso anno ho acquistato un fucile nuovo e blasonato cal. 20 con anima 16,00 coni molto lunghi e strozzatori mobili; fucile in ergal leggerissimo che non dava rinculo pur con 28 grammi. Confrontato più volte con un' altro venti , un franchi 48 AL, con anima canna 15,7 e pari strozzatura solo che fissa, ho appurato una differenza di penetrazione particolarmente evidente. Mi sono liberato del fucile dopo aver colpito ma non raccolto, andavano tutti feriti, parecchi fagiani e due lepri. Non scalciava ma nemmeno acchiappava...!
Saluti

Ciao,
vorrei che chiarissi meglio la distanza rispettivamente con le due canne a paragone, e quale supporto è stato attinto dai pallini (materiale e diametro della rosata).
Grazie.
Cordialità
Bruno
"la Libertà è reale dove è possibile esprimersi senza censure, chiunque dovesse impedirla o porre limiti al pensiero altrui commette un delitto di estrema gravità. L'autoritarismo e le dittature non consentono il propagarsi delle idee e degli scritti." BBG
Avatar utente
Bruno Biscuso
Moderatore
 
Messaggi: 2111
Iscritto il: sab 14 gen 2012, 22:47
Località: SALENTO - Terra del Sole e degli Ulivi N. 40°23' E. 018° 18'
età: 64
prov.: LE

Re: canne e forature

Messaggio da leggereda expressboy » dom 16 dic 2018, 18:38

Ciao ma che munizioni usavi ? Io sono convinto che sicuramente c'è del buono anche nelle canne sovra alesate basta trovare la giusta medicina, noi forse ancora non riusciamo a capirne le potenzialità eventuali .

B
Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo tutto quel chiasso ei non degnò d'un guardo
e a brucare serio e lento seguitò
expressboy
Collaboratore
 
Messaggi: 224
Iscritto il: sab 1 set 2012, 16:17
età: 46
prov.: fi


Torna a RESTAURI, MECCANICA ed ANALISI TECNICHE



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite